NEWS

News

Dolomiti Energia Trentino, alla scoperta di Reynolds: “Qui sto crescendo per conoscenza del gioco. A fine carriera vorrei diventare allenatore al college”

Dolomiti Energia Trentino, alla scoperta di Reynolds: “Qui sto crescendo per conoscenza del gioco. A fine carriera vorrei diventare allenatore al college”

L’ala americana si apre a tutto tondo su “L’Adige”

Cameron Reynolds ha concesso una lunga intervista a Daniele Battistel su “L’Adige”, partendo dalle origini e dal valore del basket nella sua famiglia: “Mio padre Bìlly giocava a basket alla Northwestern State University. Fino al 2018 era ancora il miglior realizzatore dì ogni tempo. Adesso rimane il miglior rimbalzista. È stato anche inserito nella Louisiana Basketball Hall of fame. Fu scelto nei Draft Nba del 1977 dagli allora Seattle Supersonics e giocò con loro qualche partita. Mìo fratello ha giocato in Macedonia, Francia e Giappone. La mia non è stata comunque una scelta obbligata. In famiglia non si è mai parlato di pallacanestro. Figuratevi che il nostro vicino di casa in Texas per tantissimo tempo non ha saputo che mio padre era un ex giocatore”.

Poi il numero 5 ha parlato della scelta di venire alla Dolomiti Energia: “Nella mia testa c'era già l'opzione di poter venire in Europa. Quando è arrivata la proposta di Trento, ho fatto le mie ricerche e poi ho parlato con Luke Maye che era stato mio compagno ai Wisconsin Herd. Dopo la  chiacchierata con lui la decisione è stata più semplice, perché mi ha spiegato il livello dell'organizzazione, la serietà e l'ambizione della società. Senza dimenticare che l'Italia per la qualità della vita è un buon posto dove vivere. A metà percorso sono assolutamente contento della mia scelta. Siamo un bel gruppo, abbiamo fatto una prima parte di stagione molto buona, ora cerchiamo di tornare a quel livello. Personalmente sono cresciuto tanto nella conoscenza del gioco e di me stesso, perché mi sono messo di fronte a tante situazioni nuove”.

Com’è invece Cameron Reynolds fuori dal campo? “Tendenzialmente sono una persona tranquilla. Però so anche divertirmi e vivere la squadra, coltivare amicizie. In campo essere calmo, un po' distaccato, mi aiuta a restare concentrato su quello che c'è da fare e a leggere meglio la partita. Fuori dal campo ascolto musica, sono appassionato di diverse serie Netflix, gioco alla Playstation. Sono laureato in business marketing ma a fine carriera vorrei fare l’allenatore di college Credo sia un modo per restituire la fortuna che ho avuto nel poter imparare da grandi coach, aiutare a diffondere la conoscenza del gioco e un modo per aiutare dei giovani a diventare professionisti”.

Infine, Reynolds si sofferma su ciò che ha imparato dall’esperienza estiva con la Nazionale americana poi protagonista dell’oro di Tokyo: “Il prendersi cura del proprio corpo, l’imparare una routine che funzioni dentro e fuori dal campo il giorno della partita e in quelli precedenti. Nonché l'importanza dei fondamentali della pallacanestro”.

LBA 4 YOU

SCARICA L'APP.
SCOPRI I CONTENUTI
ESCLUSIVI.

Scarica la App su Apple Store
Scarica la App  da Google Play
Title Sponsor
Platinum Sponsor
Platinum Sponsor
Official Sponsor
Official Sponsor
Technology Partner
Medical Supplier
Treno ufficiale
Official Ball
Technical Sponsor
Official Ticketing
Official Supplier
Official Advisor
Media Partner
Media Partner
Media Partner